Angela incontra a l’Aquila stalloni di passaggio


RISPONDI ALL'ANNUNCIO

Ciao sono Angela, e questo già è chiaro a tutti, ma la cosa che più mi fa impazzire è che sono disponibile a soddisfare ogni tuo desiderio. Vivo a L’aquila e ho 35 anni. Sono single e lavoro in uno studio di consulenza part-time.

È un lavoro che mi piace molto ma se devo essere sincera con te a me piace fare altro. È una cosa più appagante, per il fisico e per la mia mente. Non lo hai capito???

Soffio i cazzi a stalloni di passaggio

All’interno dello studio c’è molta competizione sul lavoro. Sono circondata da donne a cui darebbero un braccio per il loro lavoro davanti la scrivania. A me sinceramente piace avere la possibilità di avere un bel cazzo davanti e io pronta lì a leccarlo tutto.

Questo è quello a cui io mi diverto e mi fa sentire appagata. In ufficio parliamo di sesso ma con tutte queste vecchie zitelle se racconto delle mie scopate urlano!!! Tutto inizia dopo essermi iscritta in questo meraviglioso sito d’incontri. Non pensavo minimamente che fosse così facile averne uno quando fossi libera.

Il mio primo incontro è stato con un manager di passaggio. Doveva andare a Milano per discutere non so cosa di preciso. A me non interessava tanto il suo lavoro. Ho accettato solo perché aveva il fisico così proprio come piace a me e già mi immaginavo il suo cazzo. Ci siamo dati appuntamento in un alberghetto vicino L’aquila. Appena ci siamo incontrati mi sono detta subito che faceva al mio caso. Avevo le idee chiare.

Dopo un drink proprio per rompere il ghiaccio, ero lì a farmi aprire in due da quel bel maschione. Era uno stallone sotto tutti i punti di vista. Non avevo mai visto prima un cazzo come quello suo. Sembrava il mio braccio. Di quanto era così lungo che me lo sono messo davanti il viso. Wow!!! Fu carino con me, mi leccò la fica e sentivo la sua lingua calda scorrermi dentro. Più lui mi succhiava la fica e più io mi bagnavo. Ma la mia testa era lì…

Lo volevo dentro, tutto!!! Da quel momento sono più brava a letto che in ufficio

Lascia un commento